header scialanca studio legale
Vai ai contenuti

Menu principale:

ATTIVITA' > DIRITTO PENALE

INGIURIA

frasi ingiuriose
L’ INGIURIA COME ILLECITO CIVILE

  • Con il D. Lgs. n. 7/2016 è stato abrogato, insieme ad altri reati, il reato di ingiuria (art. 594 c.p.)  che però resta un illecito civile e obbliga al risarcimento del danno e al pagamento della sanzione economica.

  • Il D.lgs di cui sopra, prevede cioè  una forma di responsabilità civile atipica originata dalla commissione di fatti illeciti costituenti alcuni reati,  quali  la sottrazione di cose comuni (art. 627 c.p.), il danneggiamento (art. 635 c.p.), l’appropriazione di cose smarrite (art. 647 c.p.), nonché alcune rilevanti fattispecie di falsità documentali in materia di scrittura privata (art. 485 c.p.) e di foglio firmato in bianco (art. 486 c.p.)., che però conserva una forte impronta pubblicistica  avendo sostituito “la pena” con sanzioni pecuniarie civili da versarsi a favore della Cassa delle Ammende,  in aggiunta al risarcimento del danno.

  • In sostanza si assiste ad un giudizio, che trae origine da una domanda di parte, volta ad ottenere il risarcimento del danno  nel quale si innesta la pretesa punitiva dello Stato, che “non si preoccupa in prima battuta di punire i colpevoli […] ma, se la persona offesa pretende il ristoro dei danni subiti, allora, nella persona del giudice investito della causa civile, pretende di punire il danneggiante- colpevole” (da Bove, Sull’introduzione di illeciti con sanzioni pecuniarie dal punto di vista del processualcivilista, in :http://www.lanuovaproceduracivile.com/wpcontent/uploads/2016/01/BOVEIllecitocivilesanzionepecuniaria_7_2016.pdf, § 2).

INGIURIA - SENTENZA DEL NOSTRO STUDIO

  • La sentenza in commento, emessa dal Giudice di Pace di Frosinone n. 1019 del 2020,  ha accolto la domanda con cui la parte lesa ha richiesto, successivamente alla depenalizzazione del reato di ingiuria, il risarcimento  dei danni non patrimoniali subiti in conseguenza alle espressioni ingiuriose pronunciate dalla ex moglie nei suoi confronti e alla presenza di più persone, condannandola al pagamento della somma equitativamente stabilita  di   € 3.000,00 oltre alle spese di giudizio e il versamento alla Cassa Ammende di € 100.




Il primo parere legale è gratuito

  • Lo Studio Legale Scialanca, offre anche un primo incontro gratuito, finalizzato ad inquadrare la situazione, consentire la reciproca conoscenza e fornire nel rispetto della normativa vigente, un preventivo chiaro e trasparente per l’attività da svolgere nel suo interesse. Il colloquio avviene a scelta del Cliente e secondo la disponibilità dell’agenda degli avvocati, presso lo Studio sito in:
    Albano Laziale, Corso Matteotti n°149   

Prenota subito il tuo primo incontro gratuito, chiama il: 3288263025


In alternativa, è possibile richiedere un primo parere legale gratuito,
        utilizzando il MODULO presente in questa pagina.

assistenza legale






Privacy Policy
map studio legale scialancaCorso Matteotti,149 - Albano Laziale (Rm) - telefono studio legale scialanca 06.93.23.167 - 328.82.63.025 - posta elettronica avv. scialanca studioscialanca@libero.it  - P.I. 103890701000
Torna ai contenuti | Torna al menu